Intervista a Marco Nonno, consigliere comunale partenopeo

Un uomo che vive la politica come impegno sociale ed azioni concrete.     

Intervista a Marco Nonno, consigliere comunale partenopeo. Ora candidato alle elezioni regionali in Campania con Stefano Caldoro Presidente.

 di Mariangela Petruzzelli

Marco Nonno, napoletano, consigliere comunale nel capoluogo campano da giugno 2016, imprenditore, ha deciso di scendere in campo alle elezioni regionali in Campania in veste di consigliere nelle liste per Stefano Caldoro Presidente. Lo abbiamo intervistato.

D: Ci parli in breve della sua attività professionale e della sua carriera politica.   

R: Professionalmente mi occupo di forniture militari a livello nazionale. La mia passione politica è nata a 15 anni ed ho fatto tutta la gavetta del mondo: dal fronte della gioventù al consiglio comunale di Napoli ed ora sto provando la scalata al consiglio regionale. 

D:  I temi cardine della sua campagna elettorale? 

R: Intendo trasportare il più possibile le istanze dei territori in Regione Campania. Innanzitutto  lavorare per far approvare  la legge sul condono e rilanciare il turismo puntando l’attenzione sulle ricchezze culturali e archeologiche campane che sono tantissime.   

D: Il valore ideologico e culturale della destra in Campania che può insegnare oggi politicamente? 

R: I valori culturali della destra campana sono stati e sono il mio faro e mi hanno sempre guidato per stare lontano dalla melma della politica. La Campania e Napoli sono state guidate da grandi uomini sia di destra che di sinistra ma sono stati e sono anche territori scivolosi in senso molto negativo. Io ho sempre seguito i grandi esempi politici di Rastrelli, Pontone e Almirante che mi hanno portato fuori dalla perdita di valori e di moralità.  

 D: Di quale cambiamento governativo necessita oggi  la Campania rispetto al passato?

R: La Campania ha bisogno oggi di politici che conoscano bene la macchina amministrativa e che abbiano saldi valori. Purtroppo ci hanno governato sinora personaggi senza alcuna esperienza politica e persino professionale. La politica di cui necessita oggi la Campania deve essere fatta di valori e passioni ma anche di tanta gavetta e militanza.  

D: Di cosa necessita la Campania oggi in relazione al tema ambiente?   

R: L’ambiente è una battaglia che fa parte della destra storicamente: basti pensare che ai tempi del fascismo è nata la milizia forestale che è la guardia forestale oggi. Nel mio dna vi è il valore per la tutela ambientale essendo anche sub ed appassionato di montagna. Nel mio programma elettorale sostengo anche la regimentazione della caccia in Campania  poiché penso che i cacciatori siano grandi ambientalisti se seguono le regole in modo preciso. La caccia in regola significa ripopolamento della fauna e di conseguenza anche della flora. Uno dei temi della mia campagna elettorale  è anche il ripopolamento delle specie della fauna e flora autoctone campane. Ambiente vuol di re anche questo e non solo fare il riciclaggio e la raccolta differenziata.    

 D: Perchè continua a credere nella politica?

R: Credo ancora nella politica perchè credo ancora nell’azione che riesco a mettere in campo e mi entusiasmo quando riesco a risolvere un problema per il territorio che rappresento. Ho un’impostazione culturale che ha fatto diventare azioni tantissime  mie idee. 

 

Redazione

Next Post

Intervista con Alessandro Fimiani, avvocato di Portici - NA

Mer Set 16 , 2020
Passione e impegno per i giovani e le imprese   Intervista con Alessandro Fimiani, avvocato di Portici (NA), candidato alle elezioni regionali in Campania per Vincenzo De Luca.   di Mariangela Petruzzelli Alessandro Fimiani, nativo di Portici, in provincia di Napoli, è un […]

News Letter

Iscrizione per ricevere news dal sito